Idroterapia del Colon

L’idrocolonterapia è un trattamento moderno di lavaggio dolce del grosso intestino. La procedura si esegue con appositi macchinari, per garantire sicurezza nell’applicazione e comportare il minimo disagio per i pazienti.

A che cosa serve?

Le ricerche scientifiche più aggiornate mettono in luce il ruolo fondamentale dell’intestino nella salute di tutto l’organismo e nell’equilibrio del sistema immunitario che proprio in questa parte del corpo ha sedi immunologiche molto importanti chiamati placche di Peyer. Già la medicina popolare, del resto, teneva in grande considerazione la pulizia dell’intestino e prescriveva per molte malattie purghe e clisteri.

L’idroterapia del colon risponde all’esigenza di mantenere pulito ed in perfetto stato il tratto intestinale, stimolare la peristalsi e normalizzare la flora batterica.

Il nostro intestino crasso è lungo circa due metri, ma la sua estensione, considerando di appianare la superficie dei villi, è calcolata in circa 400 metri quadrati. E’ la più vasta superficie di contatto con il modo esterno, rappresentato dal cibo, ed esplica diverse funzioni vitali. Le più importanti sono riassorbire le sostanze nutritive ed espellere quelle di scarto. Attraverso l’intervento della microflora batterica, poi, sono sintetizzate vitamine ed è stimolata l’attività del sistema immunitario.

Si è osservato che se l’intestino non funziona bene ed il materiale fecale non viene per i più vari motivi allontanato in modo efficiente si formano depositi e incrostazioni che, nel tempo, facilitano l’irritazione della mucosa. Fermentazioni o putrefazioni anomale contribuiscono anch’esse a determinare questo fenomeno e a provocare fastidiosi gonfiori, emorroidi e varici. Inoltre, il prolungato contatto delle tossine con la mucosa intestinale ne facilita il riassorbimento nel circolo sanguigno.

Ciò significa che le sostanze dannose possono arrivare in tutto il corpo e provocare anche disturbi a distanza; problemi epatici e digestivi, dermatiti, dolori articolari, cefalee, difficoltà di concentrazione sono i più frequenti. Lo squilibrio della flora intestinale facilita, d’altra parte, insorgenza di vaginiti, tonsilliti, prostatiti, cistiti ed indebolisce il sistema immunitario.

Come si fa?

Il trattamento di idroterapia del colon è preceduto, la prima volta, da una minima preparazione che consiste nell’assumere un blando lassativo per allontanare la gran parte della massa fecale. L’idrocolonterapia prevede l’introduzione, attraverso l’ano, di una cannula a due vie, che da un lato consente l’infusione di acqua depurata – a pressione e temperatura calibrate – dall’ampolla rettale al cieco. Quest’irrigazione pulisce il colon, favorendo la frammentazione e lo “scollamento” dei materiali fecali. Dall’altro lato l’acqua infusa viene aspirata portando con sé residui e prodotti di scarto intestinali assieme ai germi, muco ed eventuali parassiti.

Durante la procedura, il personale specializzato che segue l’intera seduta accompagna l’idrocolonterapia con massaggi sull’addome, appositamente studiati per favorire il rilassamento e l’attivazione dell’insieme dei movimenti involontari che l’intestino compie per favorire la discesa e l’espulsione delle feci.

Per chi è indicata?

Sarà il medico a stabilire, dopo una prima visita adeguata, in quali casi è opportuno eseguire uno o più trattamenti di idroterapia del colon. In genere, per ottenere una profonda pulizia dell’intestino crasso, si prescrivono uno o più cicli di 3 sedute di idrocolonterapia.

Le indicazioni sono:

  • Disbiosi intestinali
  • Candidosi intestinali e vaginali
  • Disturbi dell’apparato digerente, come stitichezze croniche, meteorismo, coliti, diverticolosi
  • Dermatiti correlate all’apparato digerente o a intolleranze alimentari
  • Infezioni croniche dell’apparato genitale femminile
  • Parassitosi intestinali
  • Sintomi correlati alla stasi di materiale fecale, cefalee, astenie, meteorismo, etc.
  • Artriti e dolori muscolari correlati all’autotossicosi di origine intestinale
  • Stasi venose e linfatiche degli arti inferiori
  • Stasi portali e insufficienze epatiche

Condividi sui social:

Facebook
Twitter
LinkedIn

leggi gl'Ultimi articoli pubblicati

Idroterapia del Colon

  • Analisi di Laboratorio / Functional Medicine / Idroterapia del Colon

Pubblicato il 25/09/2019

La funzione intestinale e il programma di cura 5R

La funzione intestinale è la prima a dover essere presa in considerazione. Infatti digestione, assimilazione ed eliminazione permettono di apportare all’organismo quei nutrienti di cui ha bisogno e di …
La filosofia e la pratica della medicina osteopatica si basa sulla visione, oggi attualissima, dell’essere umano come unità di corpo, movimento e spirito.
Dolore, infiammazione e limitazione del movimento sempre più spesso accompagnano le problematiche dell’apparato locomotore.
L’agopuntura è un’antica tecnica terapeutica che mediante l’infissione di aghi, monouso e sterili, stimola punti sulla superficie corporea. Ogni punto ha una peculiare funzione.
La Still è attenta all’importanza di una diagnosi accurata, al fine di impostare la terapia più adatta al caso.
Le cause profonde che nel tempo portano a varie malattie, tra cui l’obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari, sono le stesse che portano a disturbi e infiammazione dell’apparato locomotore.
L’ortopedico è in grado di diagnosticare problemi congeniti o funzionali del sistema muscolo-scheletrico, dalle infezioni ai traumi, fratture, problemi degenerativi delle articolazioni, osteoprosi e tumori alle ossa.
La terapia infusionale consiste nella somministrazione di soluzioni e sostanze per via endovenosa allo scopo di migliorare le condizioni cliniche del paziente.
La terapia chelante viene utilizzata per trattare le intossicazioni croniche da metalli tossici alcuni dei quali sono detti “pesanti”, più comunemente accumulati nel corpo.
E’ un metodo naturale di cura che sfrutta le proprietà di questi due gas, miscelati in una precisa percentuale, per neutralizzare le tossine accumulate.
La mesoterapia è una tecnica di somministrazione dei farmaci per via intraepidermica, intradermica (superficiale e profonda ) e sottocutanea.
Previous
Next